Contained in:
Book Chapter

Analisi lessicale degli alterati con funzione diminutiva e della varietà dei loro ruoli all’interno del Decameron

  • Gabriele Sciarri

The present article deals with the use that Boccaccio makes of diminutives in his Decameron. After a brief introduction on the lexicographic studies dedicated to the works of the author, an investigation carried out thanks to the corpus TLIO (Tesoro della Lingua Italiana delle Origini) is presented. The study is aimed at reporting the occurrences of -etto, -ello, -ino, -uccio and its variant ­-uzzo diminutives in their context of use in the Centonovelle. The results outline a diverse situation where these diminutives are used in a wide range of expressive situations, spanning from affective to humorous and making their use one of Boccaccio’s key elements of writing style. The ‘passion’ for diminutives felt by the author is finally presented through a few examples of hapax legomena.

  • Keywords:
  • Boccaccio,
  • Decameron,
  • diminutives,
  • hapax,
+ Show More

Gabriele Sciarri

University for Foreigners of Siena, Italy

  1. Accademia della Crusca (a cura di), Grande Dizionario della Lingua Italiana. Prototipo edizione digitale, UTET Grandi opere, 2018 <http://www.gdli.it/> (09/20).
  2. Accademia della Crusca (a cura di), Lessicografia della Crusca in Rete, <http://www.lessicografia.it/index.jsp> (09/20).
  3. Accademia della Crusca (a cura di), Tommaseo Online, < http://www.tommaseobellini.it/#/> (09/20).
  4. Baldelli I., Suffissi alterativi, in Enciclopedia Dantesca, Appendice, U. Bosco (a cura di), Istituto della Enciclopedia Italiana, Roma 1984, pp. 480-485.
  5. Berisso M., Poesia comica del Medioevo italiano, RCS, Milano 2011.
  6. Boccaccio G., Decameron. Edizione critica secondo l’autografo hamiltoniano, V. Branca (a cura di), Accademia della Crusca, Firenze 1976.
  7. Boccaccio G., Decameron, A. Quondam, M. Fiorilla, G. Alfano (a cura di), BUR Rizzoli, Milano 2013.
  8. Boccaccio G., Caccia di Diana, I. Iocca (a cura di), Salerno Editrice, Roma 2016.
  9. Branca V., Boccaccio Medievale, Sansoni, Firenze 1970.
  10. Bruni F., Boccaccio. L’invenzione della letteratura mezzana, il Mulino, Bologna 1990.
  11. Dardano M., Trifone P., La lingua italiana, Zanichelli, Bologna 1985.
  12. Fortunato M., Versolini, scrittarelle, novellette. L’uso dei diminutivi nei testi dell’italiano antico (XIII-XIV sec.), in C. Giordano e R. Piro (a cura di), Risonanze II. La memoria dei testi dal Medioevo a oggi, Universitas Studiorum, Mantova 2018, pp.
  13. Frosini G., «Una imaginetta di Nostra Donna». Parole e cose nel testamento di Giovanni Boccaccio, «Studi sul Boccaccio», XLII, 2014, pp. 1-24.
  14. Istituto della Enciclopedia Italiana (a cura di), Vocabolario Treccani Online, <https://www.treccani.it/vocabolario/> (02/21).
  15. Istituto Opera del Vocabolario Italiano, Corpus del Tesoro della Lingua Italiana delle Origini, <http://tlioweb.ovi.cnr.it/(S(s2rqx4ew1nuljdxv0e5r2eag))/CatForm01.aspx> (09/20).
  16. Istituto Opera del Vocabolario Italiano, Tesoro della Lingua Italiana delle Origini, <http://tlio.ovi.cnr.it/TLIO/> (09/20).
  17. Manni P., La lingua di Boccaccio, il Mulino, Bologna 2016.
  18. Maraschio N., Parole e forme nel Decameron. Elementi di continuità e di frattura dal fiorentino del Trecento all’italiano contemporaneo, CDO, Firenze 1992.
  19. Merlini Barbaresi L., Alterazione, in M. Grossman e F. Rainer (a cura di), La formazione delle parole in italiano, Niemayer, Tübingen 2004.
  20. Pascale M., II. La ballata colta monodica, in Dizionario Enciclopedico Universale della Musica e dei musicisti, A. Basso (a cura di), UTET, Torino 1983-2005, pp. 235-237.
  21. Pirovano D., I poeti del Dolce Stil Novo, Salerno Editrice, Roma 2016.
  22. Quaglio A., Parole del Boccaccio, «Lingua Nostra», 20-27, 1958-1966.
  23. Quondam A., Le cose (e le parole) del mondo, in G. Boccaccio, Decameron, A. Quondam, M. Fiorilla, G. Alfano (a cura di), BUR Rizzoli, Milano 2013, pp. 1669-1815.
  24. Ricotta V., «Istoriare e adornar di lavorìo perfetto». Primi sondaggi sul lessico artistico in Boccaccio, in S. Zamponi (a cura di), Intorno a Boccaccio / Boccaccio e Dintorni. Atti del seminario internazionale di studi, Firenze University Press, Firenze
  25. Ricotta V., «Con animi e con vocaboli onestissimi si convien dire». Prime attestazioni e «hapax» in Boccaccio, «Studi di lessicografia italiana», XXXVI, 2019, pp. 67-102.
  26. Rohlfs G., Grammatica storica della lingua italiana e dei suoi dialetti. Sintassi e formazione delle parole, Einaudi, Torino 1969.
  27. Stussi A., Lingua, in R. Bragantini, P.M. Forni (a cura di), Lessico Critico Decameroniano, Bollati Boringhieri, Torino 1995, pp. 192-221.
PDF
  • Publication Year: 2021
  • Pages: 109-123
  • Content License: CC BY 4.0
  • © 2021 Author(s)

XML
  • Publication Year: 2021
  • Content License: CC BY 4.0
  • © 2021 Author(s)

Chapter Information

Chapter Title

Analisi lessicale degli alterati con funzione diminutiva e della varietà dei loro ruoli all’interno del Decameron

Authors

Gabriele Sciarri

Language

Italian

DOI

10.36253/978-88-5518-510-3.07

Peer Reviewed

Publication Year

2021

Copyright Information

© 2021 Author(s)

Content License

CC BY 4.0

Metadata License

CC0 1.0

Table of Contents

Book Title

Intorno a Boccaccio / Boccaccio e dintorni 2020

Book Subtitle

Atti del Seminario internazionale di studi (Certaldo Alta, Casa di Giovanni Boccaccio, 10-11 settembre 2020)

Editors

Giovanna Frosini

Peer Reviewed

Number of Pages

196

Publication Year

2021

Copyright Information

© 2021 Author(s)

Content License

CC BY 4.0

Metadata License

CC0 1.0

Publisher Name

Firenze University Press

DOI

10.36253/978-88-5518-510-3

ISBN Print

978-88-5518-509-7

eISBN (pdf)

978-88-5518-510-3

eISBN (epub)

978-88-5518-512-7

Series Title

Studi e saggi

Series ISSN

2704-6478

Series E-ISSN

2704-5919

38

Fulltext
downloads

38

Views

Export Citation

1,204

Open Access Books

in the Catalogue

984

Book Chapters

1,937,934

Fulltext
downloads

2,711

Authors

from 545 Research Institutions

of 52 Nations

52

scientific boards

from 288 Research Institutions

of 39 Nations

786

Referees

from 182 Research Institutions

of 31 Nations